«La Poesia è Scienza, la Scienza è Poesia»

«Darkness cannot drive out darkness; only light can do that. Hate cannot drive out hate; only love can do that.» (Martin Luther King)

«Não sou nada. / Nunca sarei nada. / Não posso querer ser nada./ À parte isso, tenho em mim todos los sonhos do mundo» (Álvaro De Campo)

«A good poem is a contribution to reality. The world is never the same once a good poem has been added to it. A good poem helps to change the shape of the universe, helps to extend everyone's knowledge of himself and the world around him.» (Dylan Thomas)

«Ciò che premeva e che imparavo, è che in ogni caso non ci potesse mai essere poesia senza miracolo.» (Giuseppe Ungaretti)

domenica 17 settembre 2017

Graffiti urbani - 10



Amiche care, amici,

con questo breve componimento chiudo questo ciclo, dedicato alla memoria del mio sofferto trapianto dalla città materna, la bella Trieste, a questa Milano per cui nutro un sentimento contrastante, di amore e odio.
Amore di certo, perché poche città al mondo, nel complesso, mi avrebbero accolta così com'ero, ragazza giovane, senza un soldo, completamente sola, dotata soltanto del mio assai modesto talento, artista spiantata e anche un poco "strana". Qui ho trovato il modo di sopravvivere, ricordo con angoscia e un filo d'orgoglio quando ho girato tutte le agenzie della città con il mio porfolio (all'epoca non c'era ancora l'uso generalizzato dei computer, il portfolio consisteva materialmente in una grossa - e pesante - cartella infarcita di disegni e bozzetti). Il ricordo è angoscioso, perché sono sempre stata (e sono tutt'ora) mortalmente timida, insicura del mio aspetto (nonostante tentassi di coprire questo mio lato caratteriale con abiti piuttosto, diciamo, aggressivi, e tacchi vertiginosi) per cui ogni appuntamento era una tortura, era una tortura decidermi di suonare il citofono e dire il mio nome, una tortura aspettare (spesso assai a lungo) che arrivasse il mio "contatto", una tortura atroce sciorinare i miei lavoretti - che visti con lo sguardo che ho ora, ora che mi capita di frequente la da me pochissimo ambita responsabilità di stare dall'altro lato della scrivania a giudicare giovanissimi artisti, mi pare incredibile di aver trovato così qualcuno che mi desse credito e mi facesse iniziare.
Orgoglio perché, in un modo o nell'altro, ce l'ho fatta.
Ma erano inveo anche altri tempi, i ragazzi oggi, me ne rendo conto appunto quando ho quelle occasioni di cui accennavo sopra, hanno è vero molte facilitazioni dovute a una tecnologia inimmaginabile quando ho iniziato io, ma anche una immensa difficoltà a far emergere il loro valore.
Nel mio campo c'è sempre stata una lurida fogna di approfittatori, gente che si industriava di fare i soldi con il lavoro e il talento di altri, specialmente se giovani, o gatti&volpi che tentavano di spacciare illusioni in cambio della tua passione e credulità. Io non mi sono mai prestata, fin dall'inizio, ed ero un po' "famosa" per questo in ambiente, per la mia combattività, che mi ha anche fatto "perdere" non poche "occasioni". Ma oggi vedo che tutto questo si è elevato a sistema. ormai lo sfruttamento schiavistico di ragazzi appassionati a costo zero (lo ripeto: a costo zero. Ai miei tempi erano compensi bassissimi o pagamenti dilazionati all'infinito, ma oggi è il tempo del "gratis") è diventato ormai prassi consolidata, assieme al ritardo di pagamento delle fatture ormai definitivamente fissato ai 90/120 giorni, quando va MOLTO bene, che costituisce un UNICUM credo al mondo (io lavoro per fortuna anche all'estero, Francia, Germania, Irlanda, Cina, Australia, e posso testimoniarlo).

E questa è una delle ragioni per cui anche "odio" questa città, ma anche per la progressiva nevrotizzazione dei suoi abitanti, per la cafonaggine diffusa, per le immense sperequazioni miseria-opulenzaesibita cui si deve assistere, per non pensare alla crescente aggressività di frange di manifesta intolleranza e razzismo, un carattere che non centra NULLA con la grande tradizione di accoglienza e tolleranza che è sempre stato il carattere di questa città, brutta e sgraziata in confronto ad altre grandi città Italiane, dal punto di vista urbanistico ed architettonico, ma di grande cuore per la sua meravigliosa gente, per il suo popolo. Qui oggi ha la sede centrale un "partito" xenofobo e razzista, con un largo consenso, e questo deprime non poco, nella città di Strehler, Dario FO, del Cabaret, del Teatro Verdi, della Cultura con la C maiuscola…

Concludo dunque questo breve itinerario, come chi ha avuto la bontà di seguirmi avrà notato, molto sofferto, corrusco, non facile (e vi ringrazio di cuore, perché mi rendo conto che questa "difficoltà" del percorso lo è stata anche per voi) con un sonetto: perché ho sentito il bisogno di concludere con una ricerca di armonia, di plcarmi, in vista di prospettive nuove che forse per me si aprono, saldando questa città a me, Triestina ma anche, stendhalianamente, "MIlanese".
E cosa c'è di più armonico, placato, di un sonetto?

Dalla prossima settimana riprenderò la pubblicazione "normale".

Grazie, amiche dilette e amici, come sempre, con tanto amore.

M.P.


10
Commiato


La prima notte fu agitata: ero
troppo eccitata e in ansia per sopirmi
più d'un paio d'ore. Prima dell'alba
mi rigiravo desta nel giaciglio

dell'albergo da due soldi adiacente
al grande viale della tangenziale –
una livida luce dalle tende
ingrigite preannunciava il giorno.

Ma prima del chiarore venne un suono
un rombo cupo come un sordo tuono
in un lentissimo crescendo alieno.

Era il respiro di un leviatano
che si destava: quella era Milano.
Questo il mio primo tormentato giorno.


Marianna Piani
Milano, 29 Marzo
.

domenica 10 settembre 2017

Graffiti urbani - 9



Amiche care, amici,
ultima stazione di questo viaggio. Vi sarà poi un commiato, il decimo e conclusivo componimento di questa serie, ma il viaggio idealmente termina qui, davanti a un muro graffito in una qualunque via cittadina, forse periferica, di questa Milano con cui mi sono confrontata per la prima volta anni fa, giovane ragazza sola, con un bagaglio di speranze, di illusioni, e anche un bel po' di ambizioni.
Il "riscatto" dal sogno e dall'incubo, qui così inestricabilmente confusi, per me è rivelato tutto in quel gesto, primordiale, di espressione di un "libero pensiero" che è l'eponimo di tutta questa raccolta. Questa era, e rimane, la mia via di salvezza. E su quel mattone ho costruito la sopravvivenza del mio corpo, e, ciò che più conta, della mia anima.

Vi lascio dunque, se vorrete, amiche dilette e amici, alla lettura.
Questa collana, più di altre analoghe che ho pubblicato precedentemente su queste pagine, in realtà andrebbe letta in quanto tale, come una raccolta di versi e di stanze in cui ciascun episodio prende senso e motivo dal precedente e lo passa al successivo, anche se il legame che li tiene assieme appare paradossalmente più esile e sfumato, e anche se non vi è - volutamente - una vera progressione narrativa, ma si tratta piuttosto di una serie di appunti sparsi. Proprio per questo, per questa difficile costruzione di senso dal nonsenso (questa in fondo è la città, un immenso postulato di non senso) vi ringrazio di cuore di essere rimasti con me, al mio fianco, con pazienza e disponibilità, lungo questo percorso.

Con amore
M.P.




9
Graffito


Davanti a questo muro
finisce ora il mio percorso
di storia e di memoria.
Qualcuno nella notte

vi ha lasciato il segno
del suo pensiero,
un pittogramma astratto
non bello o brutto, incompiuto.

Segni che non hanno
nulla d'esoterico, soltanto
un paio di colori primi
che s'intersecano nelle forme

d'un alfabeto ignoto
ai più, per un racconto
monco, interrotto
nessuno saprà mai perché.

Di là dal muro,
oltre l'inferriata,
un altro mondo attende
il mio risveglio finalmente

da questo sogno: forse,
tra me penso,
tutta la mia vita ora
riparte da questo muro.

Forse dietro i segni rossi
e neri e gialli del graffito
rimasto a mezzo
e senza autore sia

l'idea di un riscatto, forse
una salvezza rivelata
tra il rosso e il nero
di un libero pensiero.



Marianna Piani
Milano, 28 Marzo 2017

domenica 3 settembre 2017

Graffiti urbani - 8



Amiche care, amici,

questo componimento, ottava stazione del nostro viaggio urbano, è l'ideale proseguimento del precedente.
La notte, quasi senza che vi sia segno di tale passaggio, sfuma presto nell'alba.
Pochi sono gli indizi che la distinguono, l'oscurità è ancora profonda, le voci sono ancora quelle della notte, e così i silenzi. È in questo momento che si rivela in tutto il suo severo rigore la solitudine metropolitana, quell'essere da solo di ogni individuo pur immerso in una folla sterminata di solitudini come la sua.
I versi qui sono volutamente spezzati, discontinui, aritmici, per lo più brevi e molto brevi, ho scelto parole di un vocabolario urbano, rumoroso, impoetico. Il pigro ambiente della provincia è già ormai un vago ricordo, sostituito dal fermento inquieto della Grande Città. Questa città, che non fu, e non sarà mai, anche dopo anni, la mia.

Vi affido questi versi, amiche dilette e amici, come sempre - con amore

M.P





8
Alba



Prima dell'alba, di là
dalla finestra chiusa
le voci che s'odono sono
solo quelle delle
spazzatrici meccaniche
che soffiano via lordura
dagli scoli ai lati
delle carreggiate,
e qualche acuto isolato
strillo di ragazza, in distanza,
mentre i woofer di una vettura
diffondono un cupo rimbombo
nel trascorrere tra i palazzi,
grev, più che severi,
che incoronano il centro.

Le voci, e i suoni,
giungono annebbiati
dai doppi vetri, ma basta
per apprendere l'idioma
delle divinità notturne,
quelle dei nostri sogni
sconsiderati, quelle
dei nostri incubi
improvvidi, ricorrenti:
narrano, le voci,
storie di solitudini
umane, ai margini
dell'indifferenza del mondo
dei vivi, di morte anime
e morti cuori dispersi
nelle vie senza fine
e senza traccia
di pietà e accoglienza.

I suoni e le voci, remote,
sono solo  un'eco
tra muri di pietra
e androni deserti, tra piazze
desolate e i rintocchi
di qualche lontana
campana di Dio: l'eco
di un collettivo
salmo all'abbandono
e al dolore di questa città
che mi ha adottata,
ma mai per me sarà

la madre ormai perduta
indimenticata.


Marianna Piani
Milano, 25 Marzo
.

domenica 27 agosto 2017

Graffiti urbani - 7



Amiche care, amici,

la notte è l'altro volto della città, quello più intimo e segreto.

Ciò che in natura è solo silenzio, oscurità e riposo, nella città è vita e agitazione, ansia di riprendersi il piacere che sfugge nel giorno bruciato dai traffici e dalle attività.
La notte a Milano è un groviglio di umanità che cerca un senso al proprio esistere, ognuno a suo modo, e una fuga dalla propria incommensurabile solitudine, prima che tutto ricominci uguale a prima.

Settima stazione di questo piccolo viaggio in metropolitana.
Grazie per essere con me, a farmi compagnia.

Con amore
M.P.




7
Notte


Il fervore della notte urbana,
da sempre, mi sorprende:

il silenzio pare inondare
i viali e le autostrade,
e intanto dentro le mura, nel ventre
delle ringhiere, al di là dei navigli,
tra i locali in schiere,
invece brulica il popolo inquieto,
giovani perduti a consumarsi,
ragazze assetate di sesso e sballo,
vagabondi del vuoto nulla
che ai luoghi elegge l'oscurità
della notte e della ragione,
sublimi prostitute e transessuali
dedicate all'amore dato
come angeli d'un paradiso in terra
turpe ma ancora amato
da un Dio di misericordia.

Colpisce all'incrocio deserto
il semaforo che lampeggia
in sincrono con l'altro all'altro lato,
e aspetta, così come io aspetto,
chissà perché, qualcosa che so bene
non potrà avvenire né ora
né mai: sola, l'ombra di una vettura
si ferma all'angolo accanto.
Discende una donna bruna, indossa
un lungo paltò che cela e rivela
un abito succinto
e bianche lunghe gambe.
In fretta, la fretta ansiosa di chi
teme l'ombra e l'essere da sola,
si getta in un uscio nero, e scompare.

Questo l'unico segno di vita ora
nella mia vita, mentre alcuni tocchi
dicono dal campanile vicino
che sono appena le tre del mattino.
 


Marianna Piani
Milano, 23 Marzo 2017
.

sabato 19 agosto 2017

Graffiti urbani - 6



Amiche care, amici,

questo, in lieve antocipo sulla tabella di marcia (domani sono in viaggio per lavoro), è il sesto appuntamento di questa raccolta, che è essenzialmente una raccolta di memorie e piccole note tracciate su un taccuino, mentre la mia vita prendeva un corso, anzi una svolta, che avevo tanto voluto, ma anche temuto. Allora che finalmente, con rabbia, vi ero riuscita, mi sentivo il cuore vuoto, esaurito, e malinconico come non avevo mai provato prima. Forse quel passo, deciso a seguito di molti eventi che mi avevano scossa dalle certezze della prima giovinezza, rappresentava il passaggio, non simbolico, ma duramente concreto, e comunque improvviso, catastrofico, dall'infanzia all'età adulta, quasi senza avere il tempo di passare attraverso la stagione della pubertà.
Non so se furono le circostanze particolari che mi investirono in quegli anni, ma il mio sviluppo,  quello fisico e sessuale prima di quello mentale, fu rapido, davvero quasi esplosivo, anche a confronto con tante mie coetanee.
Ad ogni modo, il sangue da navigante che avevo nelle vene mi spinse subito al viaggio, all'andar via, a tagliare ponti e ormeggi. Sono sempre stata così, ed è paradossale per quanto nel contempo la memoria, anche il rimpianto, e il senso di solitudine, sia parte della mia personalità. Ho sempre cercato strenuamente e altrettanto strenuamente detestato la mia solitudine. A pensarci bene, forse questo è il seme profondo della mia ineguatezza a vivere. Della mia psicosi, come poi si è espressa e radicata negli anni.

Me ne andai dunque sola, quasi senza danaro, pochi abiti, di più scarpe (accessorio che ho sempre adorato e a cui non ho mai saputo fare a meno), il mio prezioso portfolio (una cartellona più grande di me, a quel tempo era ancora tutto su carta), e una incontenibile rabbia nel cuore. E me ne andai in treno.


Il ricordo di questa partenza è l'argomento di questi versi, e lasciare Trieste (o arrivarci) in treno è un'esperienza penso molto particolare, per chiunque: la ferrovia si snoda per alcuni chilometri lungo la costa, da Miramare fino alla vicina cittadina di Monfalcone, a una certa altezza dal mare, regalando uno spettacolo davvero unico. Il percorso è ricco di curve, per seguire l'andamento relativamente frastagliato della costa rocciosa, per cui il convoglio deve procedere a velocità assai moderata, così si ha modo, se è giorno, di gustare un panorama che poi non si ritroverà più, divenendo presto il monotono susseguirsi di campi e pianure comune a tutti i percorsi ferroviari del mondo.

Bene, mi tolgo, e vi lascio alla lettura, se lo vorrete.
con amore

M.P.



6
Oltre Monfalcone



E così lasciai i luoghi
che mi videro nascere e crescere
come una puledra libera
e sfrenata,
incosciente della propria bellezza,
impavida nel correre sola
contro il vento della marina.

Me ne andai giuro senza
rimpianti, con tutta la mia rabbia:
mi sentivo tradita
da chi più avevo amato,
straziata, ferita
da ciò che avevano fatto
alla mia infanzia.

Ma forse, anzi di certo
mi sentivo di più tradita
da quella fanciulla che ero ancora
che già si faceva donna:
perdio, troppo in fretta,
senza neppure avere il tempo
di un addio, di un abbraccio, di un pianto.

Ancora avrei rincorso
le nubi sul filo dell'orizzonte
così, per dare un nome
alle forme bizzarre
che vi vedevo, tra il cobalto
e il livido smalto
della fine del giorno.

Ma ora andavo, su quei binari
che seguivano la linea di costa,
e mi dicevo, pensavo
che non avrei mai più fatto ritorno
a quel mare piumato
che mi salutava festoso
da ogni baia, da ogni piccola cala.

Mentre gli ultimi pugni di case
aggrappate al declivio pietroso
fino alle ampie rarefatte pinete
accorrevano là sotto
come a volere proteggere il mare:
io non sentivo dolore, distacco,
solo più urgenza di fuggire lontano.

Poi, dopo le curve screanzate
che scuotevano le carrozze
e i passeggeri intontiti dal sonno
seguì il lungo tedioso sfilare
in un rettifilo lungo una vita
di campi e capannoni industriali,
di campanili e filari di pioppi.

Giunsi dunque alla fine del viaggio
come in un lungo delirio
di monotonia: piangevo, alla stazione,
balzando giù dal treno, non pentita,
ma sapendo che una parte -
la più magica - della mia vita
quel giorno era finita.



Marianna Piani
Milano, 19 Marzo 2017
.


domenica 13 agosto 2017

Graffiti urbani - 5



Amiche care, amici,

ciò che scoprii, quando giunsi nella Grande Città, fu questo sistema di trasporto pubblico, assente nella mia cittadina di origine, la Metropolitana Milanese, detta familiarmente la Metro, un sistema piuttosto carente in confronto ad altri che conobbi in seguito girando il mondo (uno per tutti, quello di Monaco, incredibilmente efficiente) ma che era e rimane il mezzo più rapido e relativamente economico per spostarsi in città, per quello che mi riguarda esclusivamente per motivi di lavoro: dalle mie abitazioni al di là della cerchia centrale alle Grandi Agenzie per cui lavoravo, tutte a quel tempo (ora la situazione è in parte cambiata) lussuosamente situate in pieno centro.
Per una piccola (davvero, in tutti i sensi) provinciale proiettata nella metropoli delle attività frenetiche, delle diseguaglianze laceranti (mai avevo visto lusso e miseria così strettamente accostate), della puntualità insensata, fu, e tutt'ora rimane, un'esperienza in qualche senso traumatica, e viva, il luogo in cui davvero, costretta, mi confondevo incontrando la componente umana - corpi, fiati, sguardi assenti, a volte anche mani lunghe addosso al mio corpo - di questa città.

Per voi, amiche dilette e amici, con tutto il mio amore per seguirmi in questo mio viaggio di memoria e presenza, di cui questa è la quinta stazione, metà dell'itinerario.

M.P.





5
 

Metro


La mia ha un nome che suona  pomposo —
Amendola Fiera — e narra di gente
indaffarata che incrocia tra casa
e riunioni nel centro, studentesse
di buona famiglia al ritorno dagli
atenei, impiegati delle filiali
circondariali di banche e servizi
intenti a sognare mete lontane.

Per anni, l'altra fermata fu Gioia,
nome quasi vezzoso da ragazza
saltellante sui tacchi fin troppo alti,
indossati per pura ostinazione;
ma non era così gioiosa, Gioia,
troppo vicina alla ferrovia —
Stazione Centrale, con il suo carico
amaro di fuggitivi e migranti.

Sempre per me fu la cosa più prossima
all'inferno la metro, la cloaca
della metropoli gonfia di folla.
Qui scendevo quasi correndo, spinta
dai corpi in caduta alle mie spalle,
e ogni volta temevo di restare
indietro, travolta, ingoiata per sempre
nel ventre del mostro — del leviatano.

Riemergevo esausta, come dopo
una lotta, ancora sulla mia pelle
l'essenza dei corpi surriscaldati,
come da un recinto una mandria muove
alla illusoria affannata rincorsa
dietro una vita che sfugge ogni giorno.
E ogni giorno, sapevo, senza fine
si ripeteva questa liturgia.

Liturgia insana dell'Uomo violato
che non potrà giammai prendere il volo,
fuggire via, se non dopo la morte.



Marianna Piani
Milano, 16 Marzo 2017

domenica 6 agosto 2017

Graffiti urbani - 4



Amiche care, amici,

dalla pietra bianca e corrusca del Carso al cemento grigio e corrotto della Grande Città, questo il mio itinerario, quasi una metafora in sé di un percorso d'esilio fortemente voluto e altrettanto subìto.
Nessuno lascia le sue terre con gioia. Lo si fa con rabbia, con dispetto, con  paura, con dolore. Mai con leggerezza. E tanto più è greve il fardello che ci si porta appresso quanto più si sa che il passo può essere definitivo, senza ritorno.
Ero arrivata quale ero, donna, giovanissima, sola, e avevo trovato ad accogliermi un'ondata di sensazioni nuove e ostili, di luoghi artificiali in cui non pareva vi fosse alcuno spazio per me, alcuna benevolenza, pietà nessuna, solo necessiità di lottare.

In tutto questo non c'era spazio per il rimpianto. Occorreve urgentemente vivere.

Vi lascio alla lettura, amiche dilette e amici, con amore, poiché alla fine è solo quello, l'amore, a rendere vivibile la vita.

M.P.





4
Pietraia



A lungo, a lungo cercai
in questa pietraia di case e strade
e vetture in moto come fiumane,
e folle disumane di piccoli bancari
e agenti immobiliari stremati
dai completi blu rituali o grigi rigati.

A lungo attesi, cercai tra gli anfratti
un vestigio, un ricordo, una traccia
di umanità così come io
la rammentavo dalle mie vite passate:
qualcosa che respirava, e aspirava
a una ascesi a qualcosa di umano.

Ma non v'era traccia: solo uno scolo
tra un tombino e l'altro, a memoria
della pioggia recente, che sembrava
un momentaneo sollievo, almeno, e invece
non purificò nulla. Soltanto nell'aria
aveva lasciato quell'umido afrore.

Non m'illudevo. Sapevo
ch'ero giunta al mio inferno in terra,
sapevo che i miei anni d'aurora
si sarebbero spenti tra quelle grate,
in quegli interstizi, annegati
tra milioni di altre vite sprecate.

Tutta una classe, un'intera
generazione, consumata nell'immane
destino di quel traffico veicolare
del tutto insensato, tutta la mia
bella sana incosciente giovinezza
destinata a frangersi come un'onda

su questa spiaggia lorda d'idrocarburi.
Rimango sempre a cercare, in silenzio,
l'incauto rimpianto per il mio mare.



Marianna Piani
Milano, 15 Marzo