«La Poesia è Scienza, la Scienza è Poesia»

«Darkness cannot drive out darkness; only light can do that. Hate cannot drive out hate; only love can do that.» (Martin Luther King)

«Não sou nada. / Nunca sarei nada. / Não posso querer ser nada./ À parte isso, tenho em mim todos los sonhos do mundo» (Álvaro De Campo)

«A good poem is a contribution to reality. The world is never the same once a good poem has been added to it. A good poem helps to change the shape of the universe, helps to extend everyone's knowledge of himself and the world around him.» (Dylan Thomas)

«Ciò che premeva e che imparavo, è che in ogni caso non ci potesse mai essere poesia senza miracolo.» (Giuseppe Ungaretti)

mercoledì 1 agosto 2012

Mattinale


Questa è la cronaca di un abbandono, di una partenza, di una ultima carezza e di una stretta al cuore, con il senso chiaro di un ritorno che forse non avverrà mai più.
Non c'è molto di più da dire, tranne lasciare lo spazio alla malinconia di un canto interno, a bocca chusa, senza parole, come spesso fanno le donne quando sono troppo vicine alla disperazione. Perchè sanno che, dopo, tutto cambia. Tanto vale accogliere il nuovo, l'ignoto che bussa insistente alla porta, con una dolce melodia nel cuore…

La dedico a Sonja, che la lesse per me appena nata e mi aiutò a capirne il senso, e a tutte voi ora, amiche mie, e amici cari, con amore.
M.P.



Mattinale

Tutta la tristezza di un bacio
premuto forte sopra il mio seno
proprio là dove le coppe si giungono
nel sottile solco del cuore.

Tutta la tristezza delle sue mani
aggrovigliate ai miei capelli
come rami che si coprono d'edera
tenace come i graffi delle sue unghie ribelli.

Tutta la tristezza del suo fiato
profumato di notte di vino e di aurora
che mi involge il volto nell'ultimo esaurito ardore.

Tutta la tristezza e il calore febbrile del corpo
abbandonato come un'incavo in lento svanire
impresso sopra le mie lenzuola assorte.

E il brontolio cupo del motore che picchia sui vetri
come un'ape stordita, e subitamente s'invola.
...



Milano, 13 Giugno 2012
Marianna

3 commenti:

  1. Cara Marianna,
    il senso... dei sensi e del sentire la tristezza come si sente la gioia. Il vuoto, il pieno, il nuovo... lasciando andare la paura, come l'ape, stordita.
    Tua
    Sonja

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara, come sei attenta al mio percorso, perscorso che tu, più di altri, sai doloroso e impervio.
      Il nuovo è ancora ignoto, e genera paura. Paura e angoscia. Occorre la mano tenera di un'amica per quietare un cuore che batte impazzito...

      Tua

      Mari

      Elimina
  2. si sente la tristezza ... oppure io la sento perchè so cos'è ... ma tu pensa che un venticello fresco e giovane voglioso di cose nuove sta arrivando a spazzare quelle nuvole dal tuo cuore ed allora l'aria diventerà frizzantina e riporterà il sorriso nei tuoi pensieri e poi sul tuo viso ... e noi godremo della tua ritrovata serenità ... nel frattempo ti abbraccio forte forte ... aspettando che torni primavera ...

    RispondiElimina

Sarei felice di sentire di voi, i vostri commenti, le vostre sensazioni, le vostre emozioni. Io vi risponderò, se posso, sempre. Sempre con amore.