«La Poesia è Scienza, la Scienza è Poesia»

«Darkness cannot drive out darkness; only light can do that. Hate cannot drive out hate; only love can do that.» (Martin Luther King)

«Não sou nada. / Nunca sarei nada. / Não posso querer ser nada./ À parte isso, tenho em mim todos los sonhos do mundo» (Álvaro De Campo)

«A good poem is a contribution to reality. The world is never the same once a good poem has been added to it. A good poem helps to change the shape of the universe, helps to extend everyone's knowledge of himself and the world around him.» (Dylan Thomas)

«Ciò che premeva e che imparavo, è che in ogni caso non ci potesse mai essere poesia senza miracolo.» (Giuseppe Ungaretti)

sabato 14 ottobre 2017

Tra non molto



Amiche care, amici,
ritorno alla mia "ispirazione" preferita, una schietta, semplice poesia d'amore, anzi, di passione, non temo di ammetterlo.
Io e il mio amore abitiamo. viviamo, lavoriamo lontane, e solo strappando ore e giorni alla nostra attività, alla nostra quotidiaità, viaggiando da un capo all'altro dell'Europa, riusciamo, non senza difficoltà, ad incontrarci. Per questo gli incontri sono rari, ma intensissimi, desiderato tanto a lungo da farci impazzire. Sempre una emozione quasi fosse il primo appuntamento.
Nei giorni in cui lei è da me, in Italia, di solito è perché si è presa una pausa dal lavoro, mentre io sono sempre pressata dalla mie scadenze, per cui mi capita di lasciarla a riposare, mentre io corro da qualche Agenzia per consegnare, discutere o acciuffare al volo un lavoro, un incarico. In quei casi mi affretto a ritornare il più presto possibile, sperando sempre di ritrovarla lì, da me, proprio dove e come l'avevo lasciate. Questo è qualcosa che mi dà un senso di intimità, di tenerezza e di serenità indicibili: è così che immagino, quando sarà, la nostra vita insieme, lei a riposare e a esercitarsi per prepararsi alle serate, io al mio tavolo da lavoro (digitale) oppure in giro dai committenti. E poi... tutto il resto…

Un componimento lieve, scritto in punta di piedi, in terzinette sciolte: la dedico a colei che amo, e a voi, amiche dilette e amici…

M.P.




Tra non molto
- mi alzerò.


Ormai la livida opacità
dell'alba spia tra le cortine azzurre
appena un poco scostate.

Mi alzerò, piano per non svegliarla,
ma per ora la osservo, nell'ombra,
vedo la morbida curva del fianco

adagiato, anzi abbandonato al riposo,
con un languore che mi travolge,
dopo la nostra notte senza respiro.

Vorrei carezzarle i capelli, ora,
ma non voglio destarla: li lascio
sciolti e arruffati sull'omero bianco

a figurare le fiamme del mio
desiderio, anche ora, anche adesso
acceso, mai sopito. Del resto

come potrei ignorarlo?
Guardo ancora un istante quelle mani
che paiono così grandi, e forti,

assuefatte a strappare il canto
dagli antichi strumenti -
e a modulare in me il piacere

con pari maestria, fino a farmi
impazzire. Ora vorrei baciarle,
quelle mani, ma non voglio destarla.

Tra poco, lo giuro, mi alzerò,
ricoprirò il mio corpo
con qualcosa che troverò lì al volo,

poco, niente trucco, tranne
sulle labbra quel tono di rosso
che amo, perché mi ricorda di lei.

Me ne andrò, piano, senza
far cigolare la porta, le scarpe
per mano, la borsa riempita

alla rinfusa, le chiavi
nel pugno serrato perché
non un solo rumore è ammesso:

non la voglio destare, la voglio
trovare così, quando ritorno...
Che sogno, ricominciare proprio


daccapo, da dove abbiamo lasciato.


Marianna Piani
Nebbiuno, 18 Aprile 2017
.

2 commenti:

  1. L'amore che si fa parola 😊...
    Bella, tenera, emozionante... Come immagino siate voi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, grazie per la lettura, e per il commento, ormai sono divenuti rari i commenti (nonostante per fortuna la lettura rimanga costante, anche più di quanta me ne posso aspettare) e per questo ancora più preziosi, graditissimi doni per me.

      Sì, mi piace lasciarmi andare all'ispirazione d'amore, "la più antica difficile del mondo" per parafrasare il mio amatissimo Saba. Mi piace lasciarmi alle spalle ogni studio, ogni certosina ricerca metrica e ritmica, ogni artificio retorico, per lasciare, letteralmente, "cantare il cuore". Proprio Saba comunque ha dimostrato che la semplicità non è necessariamente facilità...
      Certo, lui fu un genio, io una piccola dilettante. Ma penso che l'amore, alla fine, è sempre affamato di sincerità, tutto qui: spendersi con sincerità, per chi ci ama, e per chi, bontà sua, ci legge...

      Grazie, ho in programma un'altra cosetta, scritta subito dopo questa, la prossima settimana (se reggerà alla mia severa revisione). Mi seguirai ancora?
      Ti abbraccio forte
      Marianna

      Elimina

Sarei felice di sentire di voi, i vostri commenti, le vostre sensazioni, le vostre emozioni. Io vi risponderò, se posso, sempre. Sempre con amore.