«La Poesia è Scienza, la Scienza è Poesia»

«Darkness cannot drive out darkness; only light can do that. Hate cannot drive out hate; only love can do that.» (Martin Luther King)

«Não sou nada. / Nunca sarei nada. / Não posso querer ser nada./ À parte isso, tenho em mim todos los sonhos do mundo» (Álvaro De Campo)

«A good poem is a contribution to reality. The world is never the same once a good poem has been added to it. A good poem helps to change the shape of the universe, helps to extend everyone's knowledge of himself and the world around him.» (Dylan Thomas)

«Ciò che premeva e che imparavo, è che in ogni caso non ci potesse mai essere poesia senza miracolo.» (Giuseppe Ungaretti)

mercoledì 23 settembre 2015

Fecondi sedimenti


Amiche care, amici,

ho composto questa cosetta, come si evince dalla data in calce, proprio all'inizio della scorsa Primavera, quando la mia cronica depressione iniziava a contrastare e stridere vivamente con la luce e i colori della natura in risveglio, con l'atmosfera che iniziava ad intiepidirsi, con l'eccitazione della rinascita, la sensualità della pelle che ritrovava il contatto diretto con gli elementi, la fecondità che si iniziava a percepire nell'aria.
La volontà di accogliere quell'atmosfera, quella corrente, di lasciare che purificasse le scorie del mio intelletto, della mia anima, è questo ciò che ho tentato di esprimere, cercando un linguaggio piano, una struttura lineare, inserendo nella partitura volutamente anche il suono della rima forse più "consumata" e logora della nostra prosodia, isolandola dal resto per farla luccicare, come un brillantino da bigiotteria - senza valore, ma capace di dar viva luce: a volte ciò che conta è la luce, non la materia che la produce, o che semplicemente la riflette.


In questa giornata d'autunno precoce qui a Milano, condivido con voi questi miei pensieri, amiche dilette e amici, con amore.

M.P.





Fecondi Sedimenti

 

Grido, verso la valle, forte,
e quella mi restituisce in un'eco
forte la voce, e il suono
modulato del vento
che mi accompagna fino qui
in vetta quasi al mondo:

chiamo, richiamo a raccolta
tutta la vita che mi rimane,
e quella che ho consumato
in questi anni agri e belli
senza neppur sapere che fossero
i più belli - e fiammanti - a me concessi.

Chiamo a me tutta la vita
che riempie i miei sogni,
le insensate utopie,
le fantasie, le follie, i dolori
impotenti, le mille illusioni
subito deluse.

Chiamo la vita, la chiamo tutta
a raccolta, affinché
colmi l'invaso, e poi tracimi,
e si riversi turbinando
nei letti dei torrenti,
e una volta fattasi fiumana

fecondi quest'isterilita valle
con il deposito grigio
e greve dei suoi sedimenti,
così che il verde delle gramigne,
il giallo delle corolle, il viola,
il blu intenso, il color miele

delle distese di mais e di grano,
trionfino ancora sul tedio e il dolore,
in questi giorni colmi
di canto, di semina, di labbra
schiuse, di richiami d'usignoli,
del suggere vorace come un'ape

il nettare del fiore 
del mio amore.

. . .



Certo mi ripugna ora
anche solo rammentare, o figurare
l'ombra e il gelo invernale:
è tempo di vita, questo, che ribolle
e pullula nel mondo, se pur sempre

la morte nidifica il mio cuore.



Marianna Piani
Trieste, 12 Aprile 2015

Nessun commento:

Posta un commento

Sarei felice di sentire di voi, i vostri commenti, le vostre sensazioni, le vostre emozioni. Io vi risponderò, se posso, sempre. Sempre con amore.