«La Poesia è Scienza, la Scienza è Poesia»

«Darkness cannot drive out darkness; only light can do that. Hate cannot drive out hate; only love can do that.» (Martin Luther King)

«Não sou nada. / Nunca sarei nada. / Não posso querer ser nada./ À parte isso, tenho em mim todos los sonhos do mundo» (Álvaro De Campo)

«A good poem is a contribution to reality. The world is never the same once a good poem has been added to it. A good poem helps to change the shape of the universe, helps to extend everyone's knowledge of himself and the world around him.» (Dylan Thomas)

«Ciò che premeva e che imparavo, è che in ogni caso non ci potesse mai essere poesia senza miracolo.» (Giuseppe Ungaretti)

mercoledì 26 novembre 2014

In Nomine - IV


Amiche care, amici,

Quarto appuntamento di questa mia piccola escursione nella forma più classica della nostra prosodia. E con i nomi che hanno rappresentato qualcosa nella mia vita.

Oggi nominerò due sorelle, o due modi di essere "sorelle". La prima, la sorella di sangue, amata e venerata, e che mi ha abbandonato, per seguire una vita sua, lontana da me. Lasciandomi un infinito rimpianto, e un sordo rimorso, per non aver fatto forse abbastanza per trattenerla. O per seguirla. Tanto amata che non posso fare a meno di amare in modo tutto speciale le amiche che ho successivamente incontrato sulla mia strada e che portano casualmente il suo stesso nome.
L'altra, sorella in spirito, perché incontrandola, sia pur solo virtualmente, dialogando con lei, sia pure brevemente, ho visto aprirmi davanti a me una strada, una prospettiva di vita, una speranza da perseguire. Come donna e come persona.



Come vedete, le suggestioni portate da un nome per me sono infinite, e bene ho fatto a racchiuderle in questo scrigno prezioso, ma piuttosto angusto, che è la forma sonetto. Così che non possano debordare, sulla pagina, con il loro travolgente carico emotivo.

Per voi, come sempre, con tutto il mio amore.

M.P.




In Nomine
Quattordici sonetti in libero canto




7

Paola


 

Di noi due, la più bella. Di noi due
quella che avrebbe violato per prima
la vergine vetta, tra noi sorelle
gli occhi più chiari e più temerari.

Le sue spalle sono come un nevaio
che il sole d'estate a pena paventa,
se pur la più fanciulla, la più alta
di corpo, e d'anima quella più folle.

Lungo l'aspro sentiero m'hai lasciata
molto più indietro, piegata, nemmeno
hai girato il viso per un addio.

Quell'inviolato ghiacciaio era parte
di te, così come lo era quel vento
furioso che ti rapiva da me.
 


Marianna Piani
Milano, 9 Giugno 2014



8

Ilaria
 



Ella è la dea, colei che ricrea
il mondo al suo volere e piacimento,
è lei la regina che ha travolto
la mia mente in una sola battaglia.

È suo l'editto che restituisce
l'amore all'amore, il desiderio
al suo pari, la bellezza a colei
che la possiede o n'è posseduta.

Ella è la creatura fattasi cielo,
ella è la pianta che allarga le foglie
all'indomito abbraccio della sua Luna.

Lei è il faro al mio trepido passo
sul sentiero che conduce alla luce
dell'astro, e alla mia Femmina Sposa.



Marianna Piani
Milano, 16 Giugno 2014


2 commenti:

  1. cosa dire di questi sonetti, sono proprio belli, donano leggerezza al vento che si nutre della loro musicalità. Il lettore si lascia piacevolmente trascinare e cullare tra la bellezza che risplende nelle figure deliniate con delicata ma intensa creatività artistica.
    Complimenti
    Francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Francesco.
      La "forma sonetto", purché la si usi bene, aiuta a dare leggerezza al discorso poetico. È la forma elettiva dell'amore e della passione. Quasi impossibile immaginare un "sonetto funebre"...
      Un sonetto lo si può immaginare come un fiore di quattordici petali su uno stelo di endecasillabi (quello canonico intendo).
      È un grande piacere comporli, se poi ci si può farne un piccolo dono a un'amica, meglio ancora!

      Ti abbraccio.

      Marianna

      Elimina

Sarei felice di sentire di voi, i vostri commenti, le vostre sensazioni, le vostre emozioni. Io vi risponderò, se posso, sempre. Sempre con amore.