«La Poesia è Scienza, la Scienza è Poesia»

«Darkness cannot drive out darkness; only light can do that. Hate cannot drive out hate; only love can do that.» (Martin Luther King)

«Não sou nada. / Nunca sarei nada. / Não posso querer ser nada./ À parte isso, tenho em mim todos los sonhos do mundo» (Álvaro De Campo)

«A good poem is a contribution to reality. The world is never the same once a good poem has been added to it. A good poem helps to change the shape of the universe, helps to extend everyone's knowledge of himself and the world around him.» (Dylan Thomas)

«Ciò che premeva e che imparavo, è che in ogni caso non ci potesse mai essere poesia senza miracolo.» (Giuseppe Ungaretti)

sabato 1 novembre 2014

Il vento muove



Amiche care, amici

Io sono nata in una città di mare e di vento, e, appunto, amo, anzi adoro il mare, e adoro il vento.

Non sempre questo mio amore è condiviso. Ho avuto una ragazza che il vento lo detestava, proprio lo detestava. Qui a Milano non è un evento comune come dalle mie parti, e certo non ha l'aspetto e la voce emozionante dei turbini di borino che sollevano schiuma salmastra, e ne irrorano vestiti e capelli mentre si passeggia sul molo o lungo riva, tuttavia è sempre un fenomeno eccitante, per me, capace di farmi sragionare, di farmi correre all'aperto solo per il piacere di sentirlo passare tra i capelli, nelle gonne, sulla pelle. Questa ragazza non capiva, quando s'alzava il vento piuttosto si rintanava in casa, ascoltava inquieta come una gatta il rumore delle persiane che sbattacchiavano, o l'ululato vagamente sinistro della corrente spinta tra le fessure di una porta chiusa. Lei in quei casi mi diceva che ero proprio una matta, a fare tutte quelle scene. Il vento per lei era una seccatura, si legava stretta i capelli (quand'io invece li scioglievo) pur di non sentirseli strapazzare, come diceva lei, indossava pantaloni attillati e scarpe basse, come se temesse che la spinta traditrice di una folata improvvisa potesse farla cadere. Io cantavo, lei mugugnava. In quei momenti avevo come la sensazione che fosse molto gelosa, del mio rapporto intimo con il vento.
Ma si può essere gelose di un fenomeno naturale, come il vento?
Sicuramente sì, secondo me, perché il vento è amore, ed è in qualche senso un amore sensualissimo, per chi lo prova, quasi carnale…

Amiche dilette e amici cari, vi lascio a questa ventosa composizione, sperando che, a differenza di questa mia ragazza abbiate qualche volta provato queste sensazioni, e quindi che mi possiate capire!

Con amore

M.P.





Il vento muove


Il vento muove le sue ali
e rigonfia d'ebbrezza le mie vesti,
s'insinua tra i capelli come dita
di un'amante e li scompiglia,
e come amante, scompiglia i miei pensieri,
e vela i miei occhi appena desti
di lacrime che non sono pianto,
né dolore, né emozione,
e neppure nostalgia dell'amore,
del nostro letto sfatto all'alba.
Non memoria, non oblio.

Io le chiamo:
lacrime di vento.

Poiché assieme al vento
vengono, e con esso vanno,
come le nubi che dilagano
sopra il lago, come una coltre,
e poi si sfanno in un tramonto
commovente, dal tenero colore
delle tue guance imporporite
dalla piena del piacere che ti ho versato
quand'eri tra le mie braccia.
Dalle mie labbra.
Sulle tue indicibili pupille.

Che io chiamo:
le mie accecanti stelle.

Il vento è come un ragazzo,
incapace di memoria, spoglio
d'ogni passato, incosciente
d'un qualsiasi futuro: viene, e passa
sopra il mio corpo come il brivido
d'un falco che si getta sulla preda;
e come il falco, il vento spiega
le sue ali, con il palpito
di un arcangelo che s'invola,
e ancora, il suo afflato azzurro
gonfia d'ebbrezza le mie vesti bianche.

È consolante, è esaltante,
accogliere questo mio vento
tra le braccia, come un amante.



Marianna Piani
Nebbiuno, 2 Giugno 2014

6 commenti:

  1. In queste tuoi magnifici versi si sente tutto l'amore per il vento, un amore fisico fatto di carezze anche violente che avvolgono ogni punto del tuo corpo.
    E' stato un piacere leggere questo canto al vento il più efficiente corriere della poesia che spande nel mondo la sua melodia
    Un abbraccio
    Francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di tramonti, di mare, di vento, è difficile scrivere, perché si scrive dalla cima di una immensa montagna di capolavori già scritti per noi in secoli e secoli di Storia. Ma a pensarci bene, è difficile scrivere di ogni cosa che abbia per noi un qualche valore emotivo e profondo, poiché con queste cose da sempre l'Umanità si confronta: Umanità verso Sensibilità.
      E dunque, come l'amore, sentimento così banale da essere essenziale: ne scriviamo, così come amiamo, con libertà e - come dicevo in un commento a una tua bella composizione - completa sincerità.

      Grazie Francesco, grazie di esserci.

      Marianna

      Elimina
  2. Cara Marianna, il vento è l'eco della voce della libertà. Etu lo racconti il vento con deliziosa allegoria. Libera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara, amica mia,

      tu come sempre cogli in due parole il mio animo, e il senso tutto di questo mio tentativo: la Libertà per me, come certo per te, è il bene più grande. Il più grande, così com'è per ogni essere umano, anzi, per ogni essere vivente. E tanto più grande lo è per noi donne, che tentiamo faticosamente di uscire da millenni di storia di subordinazione e di violazione di genere.
      E in questo tu sei un Simbolo, per me.

      Grazie, veramente di cuore, di essere qui. È un'emozione accoglierti!

      Tua

      Marianna

      Elimina
  3. Traspare tutto il tuo amore e sembra quasi sentire il vento soffiare.
    Bellissima davvero, Mari!

    Anche a me piace molto il vento, mi fa sentire libera!!!

    Un fortissimo abbraccio!!!
    Stefania

    http://spiritolibro.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefania,

      conosco la tua attenzione e l'intelligenza della tua lettura. Per questo, averti qui, su queste mie paginette, a esprimere un parere così lusinghiero, mi emoziona tanto. Anzi, mi rende felice.

      La felicità di essere letta da persone intelligenti e profondamente sensibili come te, ed essere compresa, è tutto qui in fondo il senso della mia scrittura.

      Ti abbraccio, amica mia ritrovata!

      La tua Mari

      Elimina

Sarei felice di sentire di voi, i vostri commenti, le vostre sensazioni, le vostre emozioni. Io vi risponderò, se posso, sempre. Sempre con amore.