«La Poesia è Scienza, la Scienza è Poesia»

«Darkness cannot drive out darkness; only light can do that. Hate cannot drive out hate; only love can do that.» (Martin Luther King)

«Não sou nada. / Nunca sarei nada. / Não posso querer ser nada./ À parte isso, tenho em mim todos los sonhos do mundo» (Álvaro De Campo)

«A good poem is a contribution to reality. The world is never the same once a good poem has been added to it. A good poem helps to change the shape of the universe, helps to extend everyone's knowledge of himself and the world around him.» (Dylan Thomas)

«Ciò che premeva e che imparavo, è che in ogni caso non ci potesse mai essere poesia senza miracolo.» (Giuseppe Ungaretti)

mercoledì 17 giugno 2015

L'Arco




Amiche care, amici,

oggi una proposta - questa breve composizione in sestine brevi - un poco diversa dai miei temi e stili più consueti.
Anche se a ben vedere, non così estranea a ciò che mi sta più a cuore: come io sostengo da sempre, la poesia è per me essenzialmente una forma di conoscenza, uno "strumento d'indagine" per dirlo con le parole di Pound, non a caso citate in testata di queste pagine. Così io considero, all'antica, la Poesia parente e consanguinea della Scienza, e non solo in senso lato, ma proprio in senso stretto, speculativo, di metodo empirico e sperimentale.
Nel mondo della scienza in senso stretto ogni teorema necessita di una dimostrazione, un po' come in una frase significante ogni predicato necessita di un soggetto.
E la dimostrazione, in campo scientifico, può essere, come sappiamo, costruttiva, induttiva, o per absurdum.
In un discorso poetico, parallelamente, ogni esposto è simile a un teorema, ma la sua dimostrazione avviene per intuizione, o illuminazione.
L'intuizione è frutto primario della nostra sensibilità e umanità, ciò che ci consente di elevare il nostro pensiero, il nostro discorso a una dimensione estetica, che consenta la partecipazione e la soddisfazione di un bisogno da parte di un potenziale lettore - o fruitore. L'illuminazione è la scintilla sprigionante della metafora, e la metafora è la visione dell'Arte per eccellenza.
Eppure, quanta parte di intuizione, illuminazione, "insight" esiste nel lavoro scientifico, nella costruzione stessa delle teorie, e quanta di contro di ricerca, di sperimentazione, di rigore occorrono nel lavoro artistico, e poetico in special modo, dato che la Poesia è l'essenza di ogni Arte?
Dunque della stessa materia sono fatte Arte e Scienza. E dato che la scienza, per parafrasare Nietzsche (Die fröhliche Wissenschaft), è "gaia", dunque mi sia concesso giocare, con qualche rischio per la mia incolumità, in bilico sul filo teso tra queste due forme primarie di conoscenza...

Per voi, amiche dilette e amici, come sempre, con amore.

M.P.






L'Arco


1


In principio era l'arco:

ogni moto d'un grave
segue un'orbita circolare,
o ellittica, perfetta, dove
la parabola nello spazio
è inscindibile dal tempo.

Il ricorso della traiettoria
descrive il ritmo, nostro
e di qualsiasi creatura
concepita dalla Natura.
È l'unico tangibile indizio
della nostra dimensione.

2

Orbitano elettroni attorno al nucleo,
come pianeti a una stella,
e costellazioni nelle galassie;
lo spazio circolare infinito
è il tempo stesso com'è scandito
dall'alternanza di luce e nulla,

o di carica gravitazionale.
Ogni fine e ogni inizio
è una purissima astrazione
legata all'umano pregiudizio
o al suo inesprimibile orrore
di ciò che è davvero l'infinito.

Convenzione è ogni misura,
e convenzionale è solamente
ogni ordine, e ogni legge
che la mente smarrita impone
all'incommensurabile niente
che sempre ci domina e prescinde.

3

Per millenni abbiamo cercato
nelle Fedi e nelle visioni
dei Fenomeni quella Costante
che ci conforti con l'illusione
d'un ordine geometrico o divino
in questo caotico inumano 

perfetto arco. Intollerabile,
sola certezza che ci rimane,
la nostra solitudine nel Cosmo.



Marianna Piani
Plateau d'Assy, 5 Gennaio 2015


4 commenti:

  1. Leggo queste parole e mi perdo nella bellezza e meraviglia di ciò che esprimono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Daniela,
      sono davvero lusingata del tuo commento, è importante per me, anche perché questa composizione ha un argomento e un trattamento complesso, e ha richiesto una cura particolare per mantenere intatta l'emozione che speravo di riuscire a comunicare. Tu mi dai la sensazione di esserci riuscita.
      Grazie ancora, per leggere queste pagine, torna a trovarmi qui, quando vuoi!

      Un abbraccio

      Marianna

      Elimina
  2. In merito alla costruzione non mi addentro , non ho sufficienti mezzi per giudicare. Quel che so è che ho ricevuto un crescendo di emozioni ; ottimo arpeggio il tuo,esecuzione perfetta.
    Grazie a te ora il Cosmo è meno silente.
    Con affetto
    Rossella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Rossella,
      In te trovo sempre una sintonia non dico perfetta, perché la perfezione non è di questo mondo, ma quasi.
      Molto ho lavorato su questi versi, e trovare anche te favorevole ad essi e all'esperienza che tentano di trasmettere mi dà una grande, impagabile soddisfazione.
      La gioia di comporre raddoppia quando si raccoglie la comprensione dei nostri interlocutori ideali; non per il consenso in sé, ma per il grande arricchimento che reca in sé. Da sempre sostengo, credendoci fermamente, che in arte, e più che mai in poesia, è il lettore l'attore principale dell'atto di comunicazione: senza un grande, sensibile lettore tutti questi versi, queste parole, non avrebbero più valore di un cruciverba da bar...

      Un caro abbraccio

      Tua
      Marianna

      Elimina

Sarei felice di sentire di voi, i vostri commenti, le vostre sensazioni, le vostre emozioni. Io vi risponderò, se posso, sempre. Sempre con amore.