«La Poesia è Scienza, la Scienza è Poesia»

«Darkness cannot drive out darkness; only light can do that. Hate cannot drive out hate; only love can do that.» (Martin Luther King)

«Não sou nada. / Nunca sarei nada. / Não posso querer ser nada./ À parte isso, tenho em mim todos los sonhos do mundo» (Álvaro De Campo)

«A good poem is a contribution to reality. The world is never the same once a good poem has been added to it. A good poem helps to change the shape of the universe, helps to extend everyone's knowledge of himself and the world around him.» (Dylan Thomas)

«Ciò che premeva e che imparavo, è che in ogni caso non ci potesse mai essere poesia senza miracolo.» (Giuseppe Ungaretti)

sabato 16 gennaio 2016

Sulla passione e l'inganno



Amiche care, amici,

càpita di innamorarsi senza speranza.
E càpita che l'oggetto di questo nostro sentimento, spesso da noi accuratamente celato e inespresso, lusingato dal riverbero del nostro amore, così ingenuo, scoperto, indifeso, si lasci trascinare dalla nostra stessa attrazione, fascinato dall'immagine dorata di sé stesso che scorge nei nostri occhi, e ci conceda un'illusione. E a volte anche ben più di un'illusione.
Salvo poi rendersi conto dell'errore, e tirarsi frettolosamente indietro, abbandonandoci, senza una spiegazione plausibile.

Tra i molti modi di soffrire per amore, questo è uno dei più sconsolanti, poiché quando una illusione pare potersi tradurre in realtà cadono tutte le nostre difese, e l'urto della delusione poi è assai più doloroso, devastante.
A ragazze e donne come me, in più, capita di incontrare persone che (senza dirlo, forse perfino senza saperlo) vogliono "provare l'ebbrezza" con noi di un amore "diverso", e consapevolmente ci seducono, magari per un'ora di sesso, e poi fuggono lasciandoci così, affrante, svuotate, colpevoli.

L'inganno, amiche mie dilette e amici, è figlio della passione. La passione è cieca, ingovernabile, ed è aperta e indifesa di fronte al più patente inganno…

Vi lascio alla lettura - se vorrete - di questa composizione, scopertamente d'amore.

Più che mai, vostra


M.P.




Sulla passione e l'inganno


L'inganno, il tuo inganno,
malvagia, m'ha reso cieca,
abbacinata, incapace a tentoni
di ritrovare la mia ragione.

Tu, creatura senza uguale,
che scendesti dal tuo cielo solamente
per illudere i miei sensi e fascinarli
con i sortilegi della tua bellezza.

Tu mi fosti accanto, per la prima,
quand'io ancora ignoravo
la tua esistenza: innocente,
mi porgesti la tua mano.

Tu, proprio tu, la mia Vita,
m'ingannasti, con la promessa
di una lunghissima stagione
di carnali rose e di eteree viole.

E io, proprio io, volli farmi raggirare,
volli avere fede in una dea bianca
risplendente, che mi chiamava
con quella sua voce che era prato,

che era cielo, che era lago,
che era vento, che era giaciglio,
che m'attirava a sé, alle sue labbra,
con la promessa d'annegarmi

nei suoi cocenti inondanti baci.
Come feci io, perdio, proprio io,
come feci a crederti sincera,
a pensarti, e vederti, così pura?

M'avviluppavi tu, cara compagna,
nella tua rete, come una ragna,
e io mi facevo una farfalla, dalla brama
di farmi avvelenare, da te soltanto.

E dopo ciò morire, divorata
non so più se dalla mia smania,
o dalla tua voracità impaziente,
ma del tutto, finalmente, appagata.

Tu m'attirasti, dunque, soltanto
per assaporare il gusto aspro
del potere sconfinato del tuo sesso
sopra il mio cuore, del tuo corpo

sopra la mia anima disarmata?
Poi a un tratto te ne andasti, dicendo
che l'amore di quella sorta, ahimè,
semplicemente, non era più per te.

Lasciando di me soltanto
macerie informi, frammenti sparsi,
e il vuoto senza più illusione:
una passione così per me non è,

non è amare - è pena capitale.



Marianna Piani
Milano, 12 Giugno 2015

.

Nessun commento:

Posta un commento

Sarei felice di sentire di voi, i vostri commenti, le vostre sensazioni, le vostre emozioni. Io vi risponderò, se posso, sempre. Sempre con amore.