«La Poesia è Scienza, la Scienza è Poesia»

«Darkness cannot drive out darkness; only light can do that. Hate cannot drive out hate; only love can do that.» (Martin Luther King)

«Não sou nada. / Nunca sarei nada. / Não posso querer ser nada./ À parte isso, tenho em mim todos los sonhos do mundo» (Álvaro De Campo)

«A good poem is a contribution to reality. The world is never the same once a good poem has been added to it. A good poem helps to change the shape of the universe, helps to extend everyone's knowledge of himself and the world around him.» (Dylan Thomas)

«Ciò che premeva e che imparavo, è che in ogni caso non ci potesse mai essere poesia senza miracolo.» (Giuseppe Ungaretti)

sabato 23 aprile 2016

Promessa


Amiche care, amici,

narro quidi un semplice sogno d'amore, un incontro tra anime prima che tra persone, l'innamoramento e poi la consuetudine, la tenerezza di un gesto, di un dolce scambio d'affetto, e il bisogno segreto e intenso che tutto questo possa essere accolto, compreso dal mondo, accettato e benvoluto, e che chi ci circonda e ama possa partecipare della nostra gioia, della nostra pienezza.

Nulla di diverso dal sentimento d'amore di chiunque, e di ogni tempo, che si chiude in sé stesso ma nello stesso tempo ha bisogno di comunicare all'esterno la propria esistenza, il valore e la legittimità del suo progetto di vita.
Vi lascio alla lettura, se vorrete, amiche dilette e amici, con fiducia, e amore, come sempre, più di sempre.

M.P.




Promessa


Il sogno - è questo, precisamente,
un sogno d'altri tempi, quando
lungo il viale - mano nella mano -
passeggiavo con te che amavo tanto.

T'avevo atteso accanto al chiosco,

infinita mia ansiosa attesa,
finché giungevi in gran ritardo
come sempre, sorridendo, arresa.

Il desiderio era giustappunto
quel vivido rossore delle guance,
e bastava alla felicità perfetta
quella sosta per sceglierci un gelato.

Tu, alla frutta, fragola preferibilmente,
io cioccolato e crema, invariabilmente,
e col pizzicore sul palato, passeggiando,
svelte ci scambiavamo un dolce bacio.

Non era raro vedere in quel viale,
due amanti tenere in gonnella, ma
l'anziana gelataia, e il vigile al cantone,
preferivano pensarci solo amiche.

L'intima bellezza, la segreta grazia
era l'esserci promesse, tutte agghindate
in pizzo bianco sotto la quercia
che assistette al nostro primo incanto,

al primo nostro folle appuntamento
al nostro primo assurdo bacio.
Da allora tutto è cambiato,
e due vite si son confuse in una.

Questa promessa, d'altri tempi,
che ci ha fatto palpitare il seno,
ci dà diritto ora a questo abbandono
la mano nella mano, e a questo bacio

casto, sotto i platani del viale
silenti, dolcemente consenzienti.



Marianna Piani
Milano, 8 Agosto 2015
.

Nessun commento:

Posta un commento

Sarei felice di sentire di voi, i vostri commenti, le vostre sensazioni, le vostre emozioni. Io vi risponderò, se posso, sempre. Sempre con amore.