«La Poesia è Scienza, la Scienza è Poesia»

«Darkness cannot drive out darkness; only light can do that. Hate cannot drive out hate; only love can do that.» (Martin Luther King)

«Não sou nada. / Nunca sarei nada. / Não posso querer ser nada./ À parte isso, tenho em mim todos los sonhos do mundo» (Álvaro De Campo)

«A good poem is a contribution to reality. The world is never the same once a good poem has been added to it. A good poem helps to change the shape of the universe, helps to extend everyone's knowledge of himself and the world around him.» (Dylan Thomas)

«Ciò che premeva e che imparavo, è che in ogni caso non ci potesse mai essere poesia senza miracolo.» (Giuseppe Ungaretti)

domenica 28 settembre 2014

Il Tempo e lo Specchio III



Amiche dilette, amici,
ecco per voi il terzo passaggio della mia breve raccolta dedicata al personaggio di Alice.

Come vedete, l'avventura immaginaria di Alice Liddell è il seme che, cadendo sul terreno della mia immaginazione, vi germoglia, dando vita ad una catena di visioni, di pensieri, di memorie, di agnizioni.
No, non stavo bene quei giorni in cui scrivevo questa mia ode, venata di tristezza, ma amnche piena di passione, mi sentivo realmente sopraffatta dalla solitudine e dal peso delle troppe perdite della mia vita, ma sentivo di potervi reagire, se fossi salpata per il mondo immenso che attendeva di incontrare il mio sguardo.
Scrivere in questi casi, per me è l'unico possibile antidoto per non impazzire.

Anche questa, come le altre, dedicata a voi, con tutto l'amore del mondo.
Con tutto l'amore che io vi posso dare.

M.P.







Il Tempo e lo Specchio
Nove variazioni sul tema di Alice

...“I wish I hadn't cried so much!” said Alice, as she swam about, trying to find her way out.
I shall be punished for it now, I suppose, by being drowned in my own tears !”






III

Alice in un mare di pianto


Che dici al navigante, oscillando
sulla cresta candida delle onde
spazzate dal libeccio, frustate
dalla pioggia dei monsoni,
spietati signori di questi luoghi?
Non dici forse di proseguire
a dispetto delle tempeste, dei fortunali,
delle infide secche, e dei sargassi
che impastoiano i timoni?

Quante sono le persone amate,
quanti i pezzi della tua anima,
quanti i brani della tua carne
che hai veduto sfracellarsi su quegli scogli,
incagliarsi ai bassifondi, perdersi
alla deriva nella notte oscura?
Ogni conchiglia che raccogli
sulla ghiaia dell'arenile,
ogni valva che s'asciuga al sole
è un tuo amato bene che t'ha lasciato,
o che hai perduto, o che s'è eclissato.

Meglio perdersi in mezzo al mare
lontana dalle coste, dai porti, dalle cale,
ovunque si celi il nostro insondabile avvenire.
Meglio affrontare onde immense,
e abissi ignoti, e i leviatani, e i fortunali
che sfiancano le murate e divellono le drizze,
meglio vedere la prora che s'inabissa
e risale verticale, implorando al cielo
pietà e perdono, di là dal male,
di là dall'abbandono. Meglio rischiare
di naufragare là dove non v'è salvezza,
meglio gli scogli mortali per noi stessi
che le inaccettabili morti che ci fanno assedio
e gli spettri dei nostri dissolti amori.

Empiamo le rotte dei nostri dolori
poiché sappiamo che mai ci abbandoneranno.
Fuggiamo altre afflizioni, altre disperazioni,
poiché di nuove non potremmo sopportarne.
Ci annulliamo alla barra della nostra chiglia
illudendoci di tenere una rotta qual essa sia.
Ci allontaniamo miglia su miglia
con gli occhi schiusi nel vento di prora
che brucia le ciglia di salso e di pianto.
Il pianto è nulla, un riflesso involontario
che ci annebbia. Il vento che ci investe
viene da un passato già lontano.
O che appena sfioriamo.

Ma quel vento gonfia le vele, e ci spinge
alla sorte... Qui, al largo di Gibilterra,
oltre le bocche di Magellano, oltre
le leggendarie terre Aleutine...
E qui ieri è già domani.

Meglio è piangere, che dimenticare!



Marianna Piani
Milano, 14 Aprile 2014

2 commenti:

  1. Dear Marianna, this might sound trivial but not its experience!
    As I was reading this poem, I could feel a mournful lunar attraction rising through a strong emotional TIDE and, low and behold, Mari, and quite convinced, I checked the Lunar Calendar which affirmed my suspicion. You wrote this poem within 24 hrs. prior to April's Full Moon!
    I don't believe in coincidences, but as I've stated to you, once before, I really think our Muses know and inform each other and perhaps, us both !
    You truly are a "mariner" and as such, you live up to your namesake "Mari", aptly pluralized ! – I traverse You with pleasure. :-)

    A lovely and enjoyable read, indeed!
    When you're good, you're darn good !! *_*

    (Qui "oggi" é quasi il tuo "domani") LOL

    Ciaox
    Alvarox (Rimango ... tuo Corsaro?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, non hai MAI smesso di esserlo!

      Sei tu che mi hai indicato la prima rotta, in questo mare, e io non lo dimentico.

      Hai indovinato il mare che c'è nel mio nome. Difatti l'ho dichiarata fin dall'inizio questa assonanza, per me significativa: mari piani - "Meeresstille und glückliche Fahrt" - dove la calma di vento è solo apparente, è la quiete che prelude alle tempeste che da sempre sconvolgono la mia navigazione.

      Aggiungo che hai colto un altro punto importante della mia personalità: la Luna, simbolo femminile per eccellenza, con le sue fasi a immagine del nostro mestruo, che segna il nostro (di noi donne) senso del tempo più di qualsiasi calendario, orologio o stagione. Io in effetti ho un culto personale nei confronti della Luna, ogni lunazione ha per me un significato speciale, mi sento fremere dentro un'ansia, una tensione infrenabile... E hai ragione a sospettare che fosse proprio questa coincidenza a far scaturire le parole di questa composizione...

      Tu, Corsaro più che mai!

      Tua
      Piratessa Marianna

      Elimina

Sarei felice di sentire di voi, i vostri commenti, le vostre sensazioni, le vostre emozioni. Io vi risponderò, se posso, sempre. Sempre con amore.