«La Poesia è Scienza, la Scienza è Poesia»

«Darkness cannot drive out darkness; only light can do that. Hate cannot drive out hate; only love can do that.» (Martin Luther King)

«Não sou nada. / Nunca sarei nada. / Não posso querer ser nada./ À parte isso, tenho em mim todos los sonhos do mundo» (Álvaro De Campo)

«A good poem is a contribution to reality. The world is never the same once a good poem has been added to it. A good poem helps to change the shape of the universe, helps to extend everyone's knowledge of himself and the world around him.» (Dylan Thomas)

«Ciò che premeva e che imparavo, è che in ogni caso non ci potesse mai essere poesia senza miracolo.» (Giuseppe Ungaretti)

lunedì 2 luglio 2012

Dialogo III (Trio)


Amiche care, e amici gentili, ho dovuto interrompere per motivi di salute e di vita la mia presenza costante qui su queste pagine. Questi motivi permangono e la mia frequenza probabilmente non potrà più essere quella di prima, almeno per un certo lasso di tempo.
Tuttavia non voglio (e non posso) abbandonare questo mio rifugio, questo giardino che mi ha dato finora tanta gioia e tanta consolazione, sopprattutto raccogliendo la vostra amicizia e il vostro affetto, i vostri commenti, le vostre idee, le vostre critiche, le vostre libere voci. Tutto questo mi mancherebbe troppo.
Quindi, anche se con un poca di  fatica in più, per ora, cercherò di continuare a curarlo e irrigarlo ancora di idee e storie ed emozioni.

Riprendo anzi con quello che mi sembra un bellissimo dono, cui hanno partecipato due amici e poeti fondamentali per la mia formazione e per la mia ispirazione, Paola Mancinelli, che già conoscete bene da queste stesse pagine e Altor, la persona che per prima mi ha convinta ancora tanto tempo fa a provare (e osare) a "cantare" con la "mia" voce personale anzichè limitarmi sempre soltanto a "nascondermi" dietro le traduzioni dei "Grandi" di altre lingue e culture.
Insieme, sulle pagine "indifese" di Paola, sviluppammo in tutta spontaneità ed autonomia questo "dialogo", inizialmente nato tra lei e lui, e a cui in seguito mi unii io, creando così come una sorta di "trio" musicale "classico", d'archi, Violino, viola, violoncello, due donne ed un uomo, due voci femminili e una maschile. Intessendo il nostro fraseggio attorno al medesimo tema, lanciato proprio da Paola: "Per Nome" - che si concludeva con un invito "Mi raccogli?" così tenero, diretto, perentorio, che non poteva assolutamente non essere raccolto.

Per gioco potreste immaginare quale di ciascuno di questi strumenti potrebbe incarnare la voce di ognuna di noi:
Paola il violino, Marianna la viola e Altor il violoncello, forse? Oppure ci troviamo di fronte a un trio di violino, violoncello e pianoforte? ...Oppure potreste immaginare un'aria lirica, a tre voci, Soprano, Contralto e Baritono?
Voi che ne pensate?

Comunque il brano si siluppa con un canto e controcanto - bellissimo secondo me - delle due prime voci, ripreso con variazione, e si conclude con l'irrompere della terza voce, la mia, in forma di fiaba, dove mi diverto a scompigliare l'idillio in una folata di vento e un battito d'ali, secondo il mio stile un poco sbarazzino…

A noi è sembrato un bel gioco, questo, e lo offriamo a tutte voi amiche, e amici, come sempre, con amore.

P.M.
A.T.
M.P.





Per nome

Di Paola Mancinelli


E quel dubbio
sotterrato in terra arida
che ad ogni lacrima
riaffiora
mutando d'aspetto.
Lo colgo
lo invaso
lo osservo.
Sbocciato al buio
non sfiorisce la sua natura.
La mia,
è già un petalo
caduto
sul tuo asfalto.

Mi raccogli?

(Paola Mancinelli)
17 Maggio 2012




Si, ti raccolgo!
E per non farti
mutare d'aspetto
ti invaso
e ti osservo
mentre sbocci
alla luce
dove fiorisce
la tua natura
Il mio
non era fiore
neanche petalo
era senza nome
come il dubbio
dell' l'asfalto
su cui tu
cadesti
da sotto il quale
nessuna lacrima
più riaffiora

(Altor)
18 Maggio 2012



E quando il suono del mio nome
riecheggiò
come un antico canto
allora,
ci fu una vasta eco intorno.
Assordante.
Ogni cosa si rivestì di senso,
anche quel dubbio.
Anche lui.
Lo chiamai per nome
svelandone la natura
sillabandone la verità
che fa male.
Così male.
Tanto.
Ma fui raccolta
dopo quel sacrificio
e fui felice.
Questo sì.
Io, raccolta per nome.

(Paola Mancinelli)
20 Maggio 2012



Nel tuo nome
indago l'aria
trasparente
che mi acceca
col suono
cubico
spigoloso
e tagliente
che mi cerca

Nelle lettere
tonde, dove
mi nascondo
non sibila
il vento
Occulto
bocciolo
sempiterno
qui, ti aspetto

(Altor)
20 Maggio 2012



 

Stellafanciulla
(Poesia in forma di fiaba)

 

...E venne il Vento pazzo,
ululando il suo risentimento,
e in un momento, il Petalo, spoglio,
strappato dall'oscuro suolo ov'era caduto,
risalì al cielo e precipitosamente,
si ritrovò ad esser Stella
tra le mille stelle del firmamento.

E vide giù il mondo, le genti, i mari,
agitarsi d'un moto lento,
quel che a terra appariva
solo un folle inutile tormento.
E pianse allora gocce di rugiada,
di pietà per quel mondo morto,
e sospirò col suo profumo denso assorto.

E venne allora una Farfalla, maculata
rossa e bianca, follemente innamorata
di quel petalo oramai fatto stella.
E volando con immensa, indicibile fatica
per ricongiungersi al suo amato bene,
ben sapeva che a quella rarefatta altezza
si sarebbe immolata nel suo cimento.

Ora sono due gli astri in quel cielo
più lucenti d'ogni altro intorno,
Petalo e Farfalla son stati un giorno,
ora sono Vega e Antares le ammirate,
eterne stelle, salvatrici dei naviganti:
perennemente ora amandosi, tra le galassie
arderanno di luce propria, non più riflessa.

Luce dell'amore che gli anniluce annulla,
ardi nel nostro nucleo cuore, di stella fanciulla!



Milano, 18 Maggio 2012
Marianna Piani

5 commenti:

  1. Tesoro, spero tu possa tornare a star meglio il prima possibile!

    Ti voglio bene!
    Mi sei mancata!
    Paola

    RispondiElimina
  2. My Mari-posa - my sweet "stellafanciulla" anche cosí fioca la tua luce é abbagliante e ci fa dono del suo intimo calore. Io mi avvalsi di questo tuo calore che si é spesso coniugato in amore. Non fu il bagliore che mi attrasse a te, io, da cieco nocchiere, trovai in te non una guida ma un sentiero sul quale ho incontrato e conosciuto due "anime gemelle" che per pura poetica magia conversano in me, col cuore e, con me, nell'animo. Marianna, Paoletta, it is a privilege to have found in you two younger and equally passionate "soul mates", so very real in this virtual abode and, so very generous in this egotistical world!!
    Dearest Marianna, I find it hard to forgive you for expending so much energy, today. If my affection toward you means anything to you, please, take good care of yourself. - I look forward in the future, with Paoletta too, I'm sure, to many more enjoyable "Muse-cal" times. THANK YOU!

    With My Blessings
    Your Alvaro - XO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. For YOU, if even, I will try to find something inside myself strong enough to save myself from sinking in this dark bottomless maelström. Poetry can be that strong... For your believing over me...

      Elimina
  3. Tre pregevoli penne,complimenti!!!
    ma prima di ogni cosa,auguri a te Marianna per una pronta guarigione.Mi raccomando:abbi cura di te!
    Mary(Refuge)

    RispondiElimina
  4. Un trio. Sempre nel cuore, con il cuore, per il cuore.
    Marianna, anima dolce, ritorna...
    Sonja

    RispondiElimina

Sarei felice di sentire di voi, i vostri commenti, le vostre sensazioni, le vostre emozioni. Io vi risponderò, se posso, sempre. Sempre con amore.