«La Poesia è Scienza, la Scienza è Poesia»

«Darkness cannot drive out darkness; only light can do that. Hate cannot drive out hate; only love can do that.» (Martin Luther King)

«Não sou nada. / Nunca sarei nada. / Não posso querer ser nada./ À parte isso, tenho em mim todos los sonhos do mundo» (Álvaro De Campo)

«A good poem is a contribution to reality. The world is never the same once a good poem has been added to it. A good poem helps to change the shape of the universe, helps to extend everyone's knowledge of himself and the world around him.» (Dylan Thomas)

«Ciò che premeva e che imparavo, è che in ogni caso non ci potesse mai essere poesia senza miracolo.» (Giuseppe Ungaretti)

mercoledì 3 luglio 2013

Elusiva è l'onda


Amiche care, amici,
Si può scrivere una lirica per il puro gusto di  sentire fluire le parole, intessere pensieri come in un lavoro all'uncinetto, svagato, creare forme graziose di filo di emozione e minuscoli nodini di senso…
Così è nata questa composizione, in origine, da una sola minuscola particella di frase e dal suo suono autoreferenziale "Elusiva è l'onda…" - sentite, è come il suono dell'onda sulla spiaggia…

E poi, come sempre mi capita, la Parola ha sopravanzato la mia stessa volontà, il bisogno di esprimere l'emozione ha preso il sopravvento…
Elusiva, ho scoperto, è dunque la mia mente, sempre pronta a sfuggirmi tra le dita, come sabbia, e perdersi nella risacca, annullandosi, disperdendosi.


Vi lascio dunque con quest'onda di pensiero, perché la possiate vedere nel suo movimento, prima di scomparire tra le infinite onde che ancora giungeranno alla riva, scavandone ancora sabbia, e ancora…
Per voi, amiche dilette e amici cari, come sempre, con amore
M.P.



Elusiva è l'onda


Elusiva è l'onda che mi riempie la mano
e si ritira portando con sé minuscole valve
di morti molluschi, e i riflessi del sole
che ultimo fende di luce l'orizzonte.

Così illusori sono i pensieri, già quasi sogni,
che prendono il volo, per nulla disposti
ad esser afferrati, dopo che, come quell'onda,
hanno invaso il porticciolo e scosso ogni natante.

Così com'è elusiva la sabbia del tempo
che sfugge da ogni spiraglio del mio pugno
serrato con spasmodico fervido impegno
nel tentativo vano di contenerne il fluire.

Così come è incerto il pietrisco della riva
sotto il premere dei miei piedi nudi, titubanti
nei passi che mi conducono avanti verso
quel sole morente remoto, che a me pare vicino.

Così come passa senza punto fermarsi
in folle corsa sfrenata, il vento dentro i capelli,
insinuandovi le sue dita, a mani aperte, in quelle
che paiono carezze, ma sono rapaci rapimenti.

Ecco, così l'onda che sento ora lambirmi le caviglie
e il pietrisco, ora meno pungente sotto le piante
dei piedi, e la sabbia ormai fuggita per sempre,
e proprio in quel vento, che mi scioglie i capelli, e strappa

i pensieri, uno a uno, lasciandomi abbacinata:
tutto mi dice di esser avanzata ancora un poco
verso gli abissi che mi attraggono sempre, come sirene,
io che voglio scoprire dove il sole si cela a morire.

Elusiva, come l'onda, sono io, e la mia mente,
in questo mio, e nostro, perenne fuggire.



Marianna Piani
Milano, 9 Aprile 2013



2 commenti:

  1. Forse tutto è elusivo, sfuggente, ma se questo ci permette di scrivere, di mettere su carta i nostri pensieri, non sarà mai vano. ...ti adoro tesoro!

    RispondiElimina
  2. Tu sei una piuma di poesia, quando scrivi, spinta da correnti lievi, ma tutte ascensionali:

    http://maripiani.blogspot.it/2013/07/la-lucciola.html

    Ti voglio bene cara!

    Marianna

    RispondiElimina

Sarei felice di sentire di voi, i vostri commenti, le vostre sensazioni, le vostre emozioni. Io vi risponderò, se posso, sempre. Sempre con amore.