«La Poesia è Scienza, la Scienza è Poesia»

«Darkness cannot drive out darkness; only light can do that. Hate cannot drive out hate; only love can do that.» (Martin Luther King)

«Não sou nada. / Nunca sarei nada. / Não posso querer ser nada./ À parte isso, tenho em mim todos los sonhos do mundo» (Álvaro De Campo)

«A good poem is a contribution to reality. The world is never the same once a good poem has been added to it. A good poem helps to change the shape of the universe, helps to extend everyone's knowledge of himself and the world around him.» (Dylan Thomas)

«Ciò che premeva e che imparavo, è che in ogni caso non ci potesse mai essere poesia senza miracolo.» (Giuseppe Ungaretti)

sabato 14 aprile 2012

Il Dono


A cosa "serve" un'amica, un amico?
Certo a sentirsi amate e appagate di poter donare il nostro affetto.
Certo ad accogliere le nostre gioie, e i nostri pianti,
con l'animo aperto di chi comprende e non giudica,
di chi accoglie e non esclude.
Certo per lasciarci un bacio sulla guancia e una carezza
quando lo scoraggiamento e la tristezza ci assalgono rabbiose.
E certo per farci sentire meno sole.

E, all'occasione, per lasciarci sulla soglia di casa un piccolo dono,
un fiore, una scatolina di biscotti, un pelouchino che ci guarda dolce,
un post-it giallo con un saluto al volo, un nulla, 
un ricordo, un segno di un passaggio accanto al nostro cuore.
Così accade che qualcuno si rammenti di me,
ragazza indaffarata nelle mie cose,
e mi lasci in dono un rigo, la musicalità di un verso.

Così con me fa un amico, Alvaro,
lui stesso poeta, che mi dona visioni e suoni per farmi rasserenare.
Ecco l'ultimo bijou, appena uscito dalla scatolina azzurra,
questi versi, lievissimi, tutti visivi,
di una nota poetessa e scrittrice statunitense,
dal nome in sè già evocativo, Susan Minot.

Come nel finale della poesia stessa,
non a caso (Alvaro ormai mi conosce bene)
il ricevere e leggere questi versi, deliziosamente musicali:
"Per pochi istanti/ mi ha sollevato dalla pena/ di amare te".
Mi ha sollevato dalla mia tristezza di questi giorni.
Ho tentato, nel tradurla, di conservarne la musicalità,
i rimbalzi delle assonanze, i ritmi spezzati e concatenati.
Spero tanto di esserci riuscita, almeno un poco,
e spero tanto che vi piaccia.
Perchè ora la offro a voi,
amiche mie care, e amici gentili.
M.P.
 


Interloper

There's a cat up on the roof
with stripes across his face.
He has the curious guarded look
of a cat who knows this place
may be inhabited
by other cats.
I see him through the window
past yellow tangles on the sill,
beyond the long pegged rack
of all my heartsick hats.
He lifts his paw and shakes off rain.
His face is wild and true.
For a moment he relieves me
of the pain of loving you.

Susan Minot



L'intruso

«C'è un gatto, sopra il tetto,
con due strisce traverso al muso.
Ha l'aspetto curioso e circospetto
d'un gatto che sa che il luogo
potrebbe esser da altri gatti
in uso.
Lo vedo, dalla finestra,
tra i gialli intrecci del parapetto,
di là della lunga giostra
di tutti i miei cappellini affranti.
Lui alza la zampa e ne scuote via la pioggia.
Il suo muso è selvaggio e schietto.
Per pochi istanti
mi solleva dalla pena
di amare te.»



Milano, 14 Aprile 2012
Tradotta con gioia, e amore,
da Marianna Piani


Link here to learn more about Susan Minot's Poems
http://www.randomhouse.com/book/115263/poems-4-am-by-susan-minot

1 commento:

  1. Cara Mari, non scorderò mai il 2012 per avermi dato Te in "dono"! xo

    RispondiElimina

Sarei felice di sentire di voi, i vostri commenti, le vostre sensazioni, le vostre emozioni. Io vi risponderò, se posso, sempre. Sempre con amore.