«La Poesia è Scienza, la Scienza è Poesia»

«Darkness cannot drive out darkness; only light can do that. Hate cannot drive out hate; only love can do that.» (Martin Luther King)

«Não sou nada. / Nunca sarei nada. / Não posso querer ser nada./ À parte isso, tenho em mim todos los sonhos do mundo» (Álvaro De Campo)

«A good poem is a contribution to reality. The world is never the same once a good poem has been added to it. A good poem helps to change the shape of the universe, helps to extend everyone's knowledge of himself and the world around him.» (Dylan Thomas)

«Ciò che premeva e che imparavo, è che in ogni caso non ci potesse mai essere poesia senza miracolo.» (Giuseppe Ungaretti)

domenica 15 dicembre 2013

Ebdomadario


A volte tutto nasce per un gioco. E la Poesia, come ogni arte, è prima di ogni cosa un gioco.
E a volte poi, almeno per me, una poesia è come una perla, si sviluppa, a strati concentrici, attorno a un unico granello di sabbia, casualmente penetrato nella conchiglia.
Così questa composizione, che è un divertissement di concetti e parole, e che è nata per gioco da un gioco, prendendo spunto dai saluti che tra amiche che talvolta ci scambiamo su twitter.
Qualcuna di loro al mattino augurava, al lunedì: "Buon Lunedì"!
E poi al Martedì, qualcun'altra rispondeva: "Sereno Martedì, amiche care".
E io risposi, così, perché il suono mi piaceva, e per entrare nel gioco: "Marte ci prende - ma Venere ci incanta"
E seguirono i giorni successivi.
E da quei commenti, e dalle risposte ricevute, poi ho fabbricato una piccola collana, infilandoci le perline man mano che venivano, .

Infine le ho riordinate, rivestite, corrette e incorniciate, fino a farne un piccolo "ciclo", come un calendarietto settimanale, in ottica strettamente femminile, in cui ad ogni giorno della settimana corrisponde un astro, un pianeta, e uno stato d'animo.
Le dedico a queste amiche, naturalmente, poiché, qualunque sia il valore di queste composizioni, di scherzo o di pensiero, di bijou o di chincaglieria, sono loro ad avermele ispirate in prima istanza, e ora le condivido con tutte voi, amiche care, e amici, come sempre, con amore.

M.P.








Ebdomadario

Gli astri e i giorni




 

(Sabato)

Saturno ci narra l'estatica bellezza
delle leggi e dei princìpi e la saggezza
che governa i cieli e gli astri, e l'Universo,
Saturno sorge dal profondo
del suo profondo impero per recarci
la luce piena dell'intelletto.
Saturno ci circonda di attenzioni
e ci dedica dolcissime canzoni,
Saturno è saggio, Saturno è savio,
Saturno è amore e conoscenza
Saturno è fervore ed è costanza
ed è sapere il senso di bene e male.
Saturno ci affascina -
ma è Venere che c'incanta.


 

(Domenica)

Solare è il tuo risveglio,
Solare è il tuo viso, ieri stanco,
oggi rifiorito come un campo.
Il Sole abbacina e accende
la tua chiarissima bellezza,
il tuo corpo di brunito rame s'arroventa
sul limitar del mare che l'accarezza.
Io ci sono, al tuo fianco
e trattengo salda la tua mano.
Le ore i giorni si sciorinano
come le onde una appresso all'altra
e si gettano esanimi sulla spiaggia.
Tu ci sei, io ci sono,
e tu sei il Sole che mi tiene in vita,
assieme numeriamo i giorni,
intorno cui il Sole nasce e muore,
così come il nostro amore.
Il Sole ci dà vita -
ma è Venere che ci incanta.


 

(Oh, Lunedì)

La Luna cresce, la Luna scende,
la Luna specchia il letto del torrente,
la Luna impallidisce l'alba
con l'argento del suo sguardo,
la Luna ci è compagna,
e ci è amica, amante, sposa:
la Luna è come guida
al nostro viaggio,
ne sentiamo il profumo
e la seguiamo nel suo cammino.
la Luna è nel nostro essere
femmine incostanti.
La luna ci commuove -
ma è Venere che ci incanta


 

(Martedì)

Marte viene, Marte parte,
Marte indossa fiero
il cimiero rilucente argento e nero
sopra i ricci di catrame e gli occhi
color del rame. Marte parte,
Marte arriva cavalcando il suo destriero
rosso come il cuore d'una rosa.
Marte è il guerriero che attendiamo
per sconfiggere ogni nostra
incoercibile incertezza,
per liberare il nostro cuore
da ogni trepido timore.
Marte ci prende -
ma è Venere che ci incanta.


 

(Mercoledì)

Ercole torreggia di statura e ci sovrasta
con la sua bellezza intensa.
Ercole si mostra senza ritrosia,
offrendoci generoso e buono
le sue membra salde nell'abbraccio.
Ercole ci protegge con la sua potenza
da ogni possibile minaccia, la sua carezza
è come il soffio d'una dolce brezza,
la sua mano concreta come roccia e vasta
da sola ci ricopre l'intero volto
e ci terge il pianto con tenerezza.
Ercole ci salva -
ma è Venere che c'incanta.


 

(Giovedì)

Giove discende a volte dal suo maniero
per onorare soltanto la nostra grazia,
Giove ci adorna di damaschi e lucenti gioie,
ci promuove a regine della galassia,
ci dona mazzi di camelie e rose bianche
e profumi di verbenia e salvia e glicine
di selva. Ci osserva severo accigliato
Giove dal suo fermo e mite sguardo,
scuro di tempeste e avvezzo al fiero
dominio delle nubi e dei venti.
Solo per noi mia cara egli
si fa fallace!
Giove ci intriga -
ma è Venere che ci incanta.




 

(Sì, è Venerdì)

Venere ci sorge in petto, al mattino,
come un cuore scintillante,
Venere ci raggiunge, illuminando
di sorriso le nostre guance,
Venere ci pettina i capelli
come onde d'oro puro,
Venere è nei nostri occhi,
è nel nostro sangue,
è nell'abisso dei nostri specchi,
Venere è la nostra mano più irrequieta
alla ricerca del più intimo ardore.
Venere è il nostro inganno, il nostro affanno,
la nostra beltà segreta e quella detta,
Venere è la vita, opposta a ogni disfatta.

Venere è sé stessa, sei tu, sono io,
siamo tutte noi, amate mie!

Domani nasce un nuovo giorno.
Io attendo solo il tuo ritorno.




Per Rosanna, Medea, Rosa, Elisa, Mara, Paola, Livia, Daniela
Con immenso affetto
Marianna Piani
Milano, 7 Ottobre 2013


Nessun commento:

Posta un commento

Sarei felice di sentire di voi, i vostri commenti, le vostre sensazioni, le vostre emozioni. Io vi risponderò, se posso, sempre. Sempre con amore.