«La Poesia è Scienza, la Scienza è Poesia»

«Darkness cannot drive out darkness; only light can do that. Hate cannot drive out hate; only love can do that.» (Martin Luther King)

«Não sou nada. / Nunca sarei nada. / Não posso querer ser nada./ À parte isso, tenho em mim todos los sonhos do mundo» (Álvaro De Campo)

«A good poem is a contribution to reality. The world is never the same once a good poem has been added to it. A good poem helps to change the shape of the universe, helps to extend everyone's knowledge of himself and the world around him.» (Dylan Thomas)

«Ciò che premeva e che imparavo, è che in ogni caso non ci potesse mai essere poesia senza miracolo.» (Giuseppe Ungaretti)

mercoledì 19 giugno 2013

Bora Scura



Amiche dilette, amici cari,
Ancora una composizione lieve, come un vestito bianco e leggero, come una tunica ariosa, una gonna ampia, come si deve in questo periodo di sole splendente e a momenti quasi violento.
L'ho composta però tempo fa, su ispirazione che mi è provenuta dalla lettura di alcuni versi di un'amica cara che ho già ospitato altre volte tra queste pagine: Laura Sansone.
Lei mi comunica serenità. Pur non essendo una donna serena e placata, badate bene, anche lei è tormentata, inquieta. Ma la sua voce, a differenza della mia che è barbara, tormentosa, complessa, riesce nella magia di restituire intatte le sue emozioni, depurate da ogni dolore.
Per me è come un sorso di acqua di fonte, nulla mi disseta di più dei suoi versi dalla mia arsura emotiva, dalla mia ansia invincibile, dalla mia incoercibile angoscia.

Ho composto questi versi a Trieste, durante una breve visita alla città che mi vide nascere e crescere fino a giovinetta. Una città che adoro, che tanto mi somiglia per quant'è ombrosa e luminosa, colta e folle, fragile e incrollabile. Ne ho parlato e ne parlerò ancora, qui, perché fa parte della mia vita.
Qui ora vi basti sapere che, come è noto, in questa mia città soffia un vento a raffica, molto intenso, che si ciama Bora. Noi triestini però distinguiamo (come gli Inuit distinguono diversi tipi di neve) diversi tipi di bora, e in particolare:

il "Borino" che è un tipo di bora leggera, che comunica allegria, muovendo l'aria come una forte brezza piuttosto che un vero e proprio vento.
La "Bora chiara", che è la bora che si manifesta con un tempo buono, con il sole. Anzi, la bora stessa spazza le nubi, e lo scenario alla fine ha dell'incredibile, per il cristallino azzurro del cielo e i colori nitidissimi.
La "Bora Scura" infine è quella che si manifesta a cielo coperto e tempo perturbato. Spesso è questa la più potente, la sua "voce" è inconfondibile ed è "stampata" bene nel profondo della memoria di ogni triestino che si possa chiamare tale.

Dedico dunque questa breve composizione alla mia città, alla carissima dolce Laura, che ne ha ispirato il mood, e a tutte voi amiche dilette e amici. Come sempre con amore.

M.P.



Bora scura

Qui, sulla riva del mio mare
soffia una bora giocosamente
chiamata assassina:
perché pare voglia precipitare chiunque
nei flutti crestati di schiuma bianca
come una birra scura servita dalla mano
d'un oste esperto, già un po' ebbro.

Gli uccelli gridano, qui, perché son gabbiani,
dalle grandi ali elegantemente arcuate,
e le onde non mormorano, ma rumoreggiano offese,
poiché il vento spinge anch'esse al largo,
lontano dalla riva.

Rimane lo scompiglio: dei vestiti,
dei capelli che sciabolano gli occhi,
e dei pensieri, che qui si perdono
tra i massi della battigia,
fino a quel bianco dente di pietra di Carso
che è il Castello di guardia al mare,
avvolto nell'aerosol del salso
suscitato dal romanticheggiar dell'acque.

Io qui non posso neppure desiderare, una pace,
non mi è concessa: il vento folle,
questo vento che amo come s'ama un padre,
oppure una madre, per quanto pazza,
mi rapisce nel suo mondo audace e vano.



Dedicata a Laura
Donna e poetessa d'Aurora
Limpida quant'io son fosca.

dolce quanto io son aspra.

Marianna Piani
Trieste, 6 Aprile 2013


7 commenti:

  1. Io ti amo Marianna...voce potente e poetica che ogni volta mi incanta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sei la mia sorgente cristallina, mia cara, e ti amo. La bellezza che la femminilità indifesa sa esprimere è infinita...

      Tua
      Mari

      Elimina
  2. Invidio Laura!! Perché ha un'amica così gentile da dedicare versi ed espressioni degne di un amante genuino!
    Mentre leggevo mi si sono spettinati i capelli!! Sappilo! 😄😄

    (Scusate l'umorismo da 4 soldi)

    Con affetto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura è da "invidiare" per la bellezza della sua anima, e per l'intensità del suo sentire!
      Tu sei molto caro, e mi sei molto caro.

      Laura ed io ci amiamo nel senso del più puro affetto di mente e spirito. Non ci siamo mai viste, di persona, ma vi sono legami che esulano dal contatto fisico, per fortuna.

      Verrò a trovarti, nel tuo blog, anche tu hai una voce sensibile e delicata che è una gioia conoscere...

      Tua
      Marianna

      Elimina
  3. Se vuoi ho aperto un mio blog anche qui. http://www.41pier.blogspot.it/

    RispondiElimina
  4. Barbara? Tormentosa ? Neanche per sogno.Complessa,talvolta sì ,talvolta lieve come il battito di cuore di un passerotto .-Alessandra-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di natura sono complessa, cara, e invece vorrei essere semplice. Le mie parole pesano come piombo, e invece vorrei essere leggera come balsa, per poter volare con meno sforzo, e più a lungo, e più in alto, e più lontano...
      Ma non la nego, la mia natura, mi lascio condurre dall'istinto, e da quella cosa che un tempo chiamavano "ispirazione". Sempre.

      Grazie per la tua vicinanza, Alessandra. Non mi lasciare mai, ti prego!

      Tua
      Mariannina

      Elimina

Sarei felice di sentire di voi, i vostri commenti, le vostre sensazioni, le vostre emozioni. Io vi risponderò, se posso, sempre. Sempre con amore.