«La Poesia è Scienza, la Scienza è Poesia»

«Darkness cannot drive out darkness; only light can do that. Hate cannot drive out hate; only love can do that.» (Martin Luther King)

«Não sou nada. / Nunca sarei nada. / Não posso querer ser nada./ À parte isso, tenho em mim todos los sonhos do mundo» (Álvaro De Campo)

«A good poem is a contribution to reality. The world is never the same once a good poem has been added to it. A good poem helps to change the shape of the universe, helps to extend everyone's knowledge of himself and the world around him.» (Dylan Thomas)

«Ciò che premeva e che imparavo, è che in ogni caso non ci potesse mai essere poesia senza miracolo.» (Giuseppe Ungaretti)

mercoledì 30 maggio 2012

Sentiero



(Una Immagine di Paola Mancinelli)
http://lospazioindifeso.blogspot.it


 

Un'altro flusso di ricordi, sgorgato dal cuore di una immagine unica
e l'evocazione  di uno scenario impresso nella mia mente da anni non lontani.
Vi rivelo soltanto che lo sfondo di questo raccontino in versi
è il Lago d'Orta, dove avevo scoperto per caso un ripido sentiero
che portava dritto a una minuscola baia un poco defilata.
Dove una ragazza innamorata, come me, poteva starsene indisturbata, sola
a meditare e a respirare tutta la bellezza del luogo.

E che l'ho scritta tutta d'un fiato, di getto, in un luogo non meno bello,
su una panchina sul lungolago, a Stresa,
a matita nera sul risvolto di copertina di un libro.
Il libro era "Il pranzo di Babette" di Karen Blixen. Nientemeno.

Dedico questa composizione a Paola, che ancora una volta mi ha donato una
delle sue poesie di luce e il primo spunto, l'ispirazione, di tutto il racconto.
E a tutte voi, amiche, e amici, come sempre.
Con amore.
M.P.




Sentiero

Martina discese adagio,
percorrendo il sentiero segreto
che le aveva indicato un'anziana del luogo
nel suo corrusco e melodioso accento.

(Che donna di emozionante bellezza
pensò nel guardarla: i segni del tempo
come spaccature nei muri
di una chiesa antica non la sfregiavano.

La esaltavano, anzi, perchè erano
i tagli profondi, le ferite, i graffi, gli incavi,
che il tempo, armato di dolori come coltelli,
le aveva scavato nel volto: segni d'una passione mai doma.)

Discese dunque, e dopo poco
per quant'era brusco e scosceso il cammino
si tolse i fragili sandali da nervosa gazzella,
e raccolse i capelli con un nastrino. detro la nuca.

Procedette cauta, soffrendo a ogni passo
le pietruzze affilate sotto i piedi non usi,
aggrappandosi ai rami del lauro severo, incombente.
E infine, d'improvviso, s'aprì a lei inviolato il lago.

Le scarpine in una mano, il cuore nell'altra
in due salti fu sopra una roccia
che affiorava dall'acqua immota,
e lì sedette assorta, cingendosi le ginocchia.

Guardò sotto di sè, sè stessa riflessa
nello specchio verdastro, appena increspato,
contro le nubi ardenti di un cielo non placato.
E vide i suoi occhi cupi, molto inquieti.

Come sono scuri! - le venne da pensare
come se non riconoscesse più, in quello sguardo, sè stessa.
E subito risentì su di sè l'abbraccio del lago,
e rammentò altri due occhi, teneramente amati.

Come due laghi: scuri, profondi insondabili abissi.
Oppure - come laghi - cangianti, di scintillante cristallo,
in cui immergere i piedi nudi appena feriti
per lasciarsi lenire i graffi dalla dolcezza del flutti.

Tolse dalla pochette rossa un foglietto stampato
con un'immagine sola, e una nota a matita:
Un luminoso prato, una margherita, un cancello sbarrato.
E rilesse, per la millesima volta, ad alta voce, la nota.

Che chiudeva dicendo soltanto: "infinitamente".
Ebbe una vertigine, acuta, e si artigliò alla roccia
per non cadere. Sfiorò qualcosa, nel gesto convulso.
Udì accanto a sè un tonfo lieve, impercettibile, breve.

Un sandaletto giaceva ora sull'argilla ondulata del fondo
come un corallo, adagiato di lato. Irridente.
Inavvertitamente spinto nell'abisso. Danzava adagio
rifratto dalla pigra corrente.

Lo osservò a lungo, senza fare nulla di nulla..
Povera me - fantasticò tra sè - sono perduta.
Rimarrò qui per sempre! - Per sempre: abbandonata
tra quel cielo, e quell'acqua, e quel foglio sgualcito

stretto nel pugno.

...

La intravvide così, da lontano, un barcaiolo aitante
di passaggio: lei, come una minuscola sirena
raggomitolata sullo scoglio, a riva, il mento puntato
sulle ginocchia. Immota. Trasognante. Serena.

Intanto, un minuscolo avannotto,
attratto dal colore corallino del sandalo immerso,
ne sbocconcellava guizzando perplesso
la vezzosa cinghietta, aperta.


Stresa, 5 Maggio, 2012
Marianna.

9 commenti:

  1. Mi sembra di viverla davvero...le tue parole fanno immedesimare...
    Tua sorella
    Carolina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sei la sorella meravigliosa che ho perduto, e che poi è ritornata sotto le forme di una fata buona dai capelli d'oro e dagli occhi capaci di magia!

      Grazie mia cara.
      Immedesimazione è la polvere magica che ci fa volare sulle ali della Poesia.

      La tua sorellina
      Mari

      Elimina
  2. Le tue meravigliose parole danzano nell'aria leggere per volare sul cuore e posarvisi come fragili e delicate farfalle. Grazie per i sogni che riesci a svelare ai nostri occhi svegli ed alle menti assopite... Un caloroso abbraccio dolcissima amica mia...
    Catiuscia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Catiuscia, amica mia, sei dolcissima.
      Come ti dicevo per me è un immenso piacere donare sogni a persone sensibili e belle come te, e scoprire che dalle mie parole ne ricavano una pur anche piccola gioia.
      Il vero dono lo fai tu a me, con la tua comprensione, con la tua partecipazione.

      Vieni a trovarmi spesso, ti aspetto cara.

      Marianna

      Elimina
  3. MARTINA


    Infinitamente.
    Una vertigine, acuta,
    mi assale la mente.

    Una roccia.
    A lei mi artiglio.
    Mi abbraccia.

    Sfioro qualcosa.
    Un gesto convulso.
    Tonfo di rosa.

    Argilla ondulata
    il mio sandalo trattieni
    ed io qui, abbandonata!

    Danza pure
    come corallo
    e irridi le mie paure.


    [A Marianna, con affetto!]

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paola mia, che meraviglioso inatteso dono!
      Un gioiello così prezioso, che prende il tocco dalle mie parole, come una ballerina in un passo a due che riceve il sostegno dal suo partner e poi disegna meravigliosi arabeschi, come fosse senza peso.

      Sono commossa. Per un momento, tu lo sai, temevo di averti perduta, e invece eccoti qua, ancora, sempre amica, perfino di più, addirittura.
      Ti accolgo in un abbraccio immenso!
      Perchè sei meravigliosa, tu.
      E la nostra consuetudine, la nostra intimità di pensiero riprende intatta, felice, promettendo tesori...

      Grazie Paola cara, mia cara!

      Marianna

      Elimina
    2. Ogni rapporto che sia vivo e vero ha come contropartita qualche incomprensione: l'importante è chiarirsi e, una volta fatto, riprendere a camminare insieme.

      Ho visto questi versi nei tuoi.
      Felice di averti resa felice!
      Ti abbraccio forte,
      tua Paola

      Elimina
  4. Cara Mari,

    ancora una volta, rimango assorto nel mistero che é l'ispirazione.

    RispondiElimina
  5. Dolce Marianna,
    mi sono tuffata nel tuo bellissimo racconto. In silenzio sono rimasta lì, muovendo solamente le braccia per riuscire a restare a galla, lì immersa mai sommersa, ferma, perché non finisse. Lo sai bene, io non voglio che finisca... mai, mai, mai!
    Tua Sonja

    RispondiElimina

Sarei felice di sentire di voi, i vostri commenti, le vostre sensazioni, le vostre emozioni. Io vi risponderò, se posso, sempre. Sempre con amore.